Πέμπτη, 3 Νοεμβρίου 2016

KASTORIA UNA CITTA STORICA DELLA GRECIA ALLA MACEDONIA GRECA

Kastoria (Καστοριά) è un comune della Grecia situato nella periferia della Macedonia occidentale ( unità periferica di Kastoria ) con 37.094 abitanti secondo i dati del censimento 2001. A seguito della riforma amministrativa detta Programma Callicrate in vigore dal gennaio 2011 che ha abolito le prefetture e accorpato numerosi comuni, la superficie del comune è ora di 763 km² e la popolazione è passata da 16.218 a 37.094 abitanti. Sorge su un promontorio in riva al Lago Orestiada. È un centro rinomato nella produzione di pellicce , e può vantare, oltre che discrete attività agricole, un grande patrimonio artistico, composto da ben 54 splendide chiese bizantine e medievali . Kastoria ebbe una storia lunga e gloriosa, ma oggi vive un calo demografico dovuto alla posizione geografica interna, a 600 m sul mare. Il lago Orestiada (chiamato anche lago di Kastoria (Λίμνη Ορεστιάδα) è un lago della prefettura di Kastoria in Grecia. È posto ad una altitudine di 630 metri e copre una estensione di 28 km 2. Nel lago è presente un'isola artificiale con il sito archeologico di Dispilio . Dispilio ( Δισπηλιό) è un sito archeologico del periodo neolitico , situato su una isola artificiale del lago Orestiada. Il sito si trova nelle vicinanze del moderno villaggio di Dispilio nella Prefettura di Kastoria in Grecia. L'insediamento lacustre fu scoperto durante il secco inverno del 1932, il quale fece abbassare il livello del lago svelando tracce dell'insediamento. Un'indagine preliminare venne fatta nel 1935 da Antonios Keramopoulos . Gli scavi iniziarono nel 1992, condotti da George Hourmouziadis , professore di archeologia preistorica all' Università Aristotele di Thessaloniki. L'ambiente paleolitico del sito, botanica, tecniche di pesca, utensili e ceramiche vennero pubblicati informalmente nel giugno del 2000, sulla rivista greca di archeologia Επτάκυκλος , e da Hourmouziadis nel 2002. Un ricostruzione dell'insediamento degli abitatori del lago è stata eretta vicino al sito per attrarre turisti dalla Grecia stessa e dall'estero. Il sito sembra essere stato occupato per un lungo periodo, dagli stadi finali del Neolitico medio (5600-5000 a.C.) al neolitico finale (3000 a.C.). Una quantità di oggetti vennero trovati, comprese ceramiche, elementi strutturali in legno e i resti di un passaggio in legno , semi, ossa, statuette, ornamenti personali, flauti (uno di essi risale al VI millennio a.C., il più antico che sia mai stato trovato in Europa) e ciò che sembra essere il più significativo ritrovamento: la Tavoletta di Dispilio incisa. Mentre la Macedonia mostra tracce di abitazioni umane risalenti al paleolitico, l'insediamento più antico che si conosca risale a 9.000 anni fa. Nea Nikomedeia è uno dei più antichi insediamenti conosciuti. Le case a Nea Nikomedeia erano costruite - allo stesso modo della maggior parte delle strutture in tutta la Grecia settentrionale neolitica - di canne e terra (a mo' di intonaco) su una struttura in legno. L'assemblaggio culturale comprende ceramica ben fatta, di forme semplici con sporadiche decorazioni colorate in bianco su fondo rosso, statuette femminili in argilla del tipo a "testa di bastone", provenienti dalla Tessaglia fino alla valle del Danubio , asce in pietra e azze, lame in selce e ornamenti in pietra inclusi dei particolari "tappi nasali" ( nose plugs ) di incerta funzione. La raccolta di oggetti associati differisce da una casa all'altra (nelle immediate vicinanze), suggerendo che qualche grado di specializzazione del lavoro fosse già stato stabilito dall'inizio della storia del sito. L'economia agricola era basata sulla coltivazione di cereali quali grano, orzo , leguminose e sull'allevamento di pecore e capre, con un po' di bestiame grosso e maiali . La caccia giocava un ruolo relativamente minore nell'economia. Questo antico insediamento neolitico fu occupato per oltre mille anni, sopravvivendo dal 7000 al 5500 a.C. Il neolitico medio (5500-4500 a.C. circa) è attualmente meglio rappresentato nella valle dell' Aliacmone presso Servia in Grecia, nel territorio della Macedonia Occidentale, dove il tipico rosso su ceramica color crema nello stile di Sesklo enfatizza l'orientamento meridionale dell'insediamento. La ceramica di questo periodo è stata trovata in certi siti della Macedonia centrale ed orientale, per quanto nessuno è stato scavato in modo estensivo. Il neolitico superiore (4500-3500 a.C. circa) è ben rappresentato da entrambi i siti (scavati e non) di tutta la regione (sebbene si noterebbe che i livelli della Macedonia orientale di questo periodo siano ancora chiamati "medio neolitico" secondo la terminologia usata nei Balcani a cui fanno riferimento molti collegamenti culturali). Rapidi mutamenti negli stili della ceramica e la scoperta di suoi frammenti, che mostrano un commercio con regioni abbastanza distanti, indicano che società, economia e tecnologia stessero tutte cambiando rapidamente. Tra i più importanti di questi mutamenti ci sono l'inizio della lavorazione del rame , dimostrati in modo convincente da Renfrew per avere attinto ai gruppi culturali di Bulgaria e Romania al nord. I principali insediamenti scavati di questo periodo comprendono Makryialos e Paliambela vicino alla riva occidentale del Golfo Termaico, Thermi a sud di Tessalonica e Sitagroi e Dikili Tas nella pianura di Drama . Alcuni di questi siti furono densamente occupati e formavano grandi tumuli (oggi noti agli abitanti locali della regione come toumbas). Altri erano molto meno densamente popolati e si estendevano per circa un chilometro (Makryialos). Entrambi i tipi si trovano allo stesso tempo negli stessi distretti e si presume che le differenze nell'organizzazione sociale vengano riflessi da queste differenze nell'organizzazione dell'insediamento. Alcune comunità erano chiaramente interessate a proteggersi con diversi tipi di opere di difesa: fossati a Makryialos e muri concentrici a Paliambela. Gli edifici meglio preservati vennero scoperti a Dikili Tas, dove le strutture in legno venivano organizzate in file, alcune decorate con teschi di toro attaccati all'esterno dei muri, e intonacati con argilla. Un'attestazione importante per l'attività cultuale è stata trovata a Promachonas -Topolnica, situata fra il confine greco-bulgaro a nord di Serres . Qui una profonda fossa sembra essere stata ricoperta per farne una stanza sotterranea e in essa si trovarono strati successivi di detriti che comprendono un gran numero di statuette, teschi di toro e ceramica, anche con molte forme rare e inusuali. L'economia agricola di questo periodo continuava le pratiche stabilite all'inizio del neolitico, sebbene pecore e capre siano meno dominanti tra gli animali rispetto a prima e la coltivazione della vite ( Vitis vinifera ) sia ben attestata. Soltanto alcune sepolture sono state scoperte durante l'intero periodo neolitico nella Grecia settentrionale, potendosene comunque dedurre dei chiari modelli. Le offerte mortuarie, tuttavia, sembrano molto limitate. Nell'antichità la regione della Macedonia comprendeva parti di ciò che allora era conosciuta come Macedonia, Illiria e Tracia. Tra l'altro nelle sue terre venivano localizzati i regni di Peonia, Dardania, Macedonia e Pelagonia, storiche tribù come gli Agriani e colonie di città-Stato greche meridionali. Antecedente all'ascendenza macedone, parte della Macedonia era popolata dai Brigi , un popolo tracio, mentre l'occidente, cioè la Macedonia Superiore , era abitata da Illiri e Macedoni. Intanto, più tardi, furono documentate numerose guerre tra i regni illirici e macedoni, i quali possono essere coesistiti pacificamente con i Brigi. Nel periodo della Grecia classica , la Peonia, i cui confini esatti (così come l'arcaica storia dei suoi abitanti) restano oscuri, originariamente comprendeva l'intera valle del fiume Assio e le aree circostanti, in ciò che adesso è la parte settentrionale della regione greca di Macedonia , la maggior parte della Repubblica di Macedonia , e una piccola parte della Bulgaria occidentale. Intorno al 500 a.C., l'antico regno di Macedonia era incentrato in qualche luogo compreso tra i pendii meridionali dell'Olimpo Inferiore e il tratto dritto del corso inferiore del fiume Aliacmone. Durante le guerre persiane il regno di Macedonia fu soggetto ai persiani, ma dopo la battaglia di Platea riottenne la sua libertà. Sotto Filippo II e Alessandro Magno, il regno di Macedonia si espanse in modo energico collocando l'intera regione della Macedonia sotto il governo degli Argeadi . Le conquiste di Alessandro produssero una diffusione duratura del pensiero e della cultura greca attraverso il Vicino Oriente antico , ma il suo impero venne a frantumarsi dopo la sua morte. I suoi generali divisero l'impero tra loro, fondando i loro propri stati e dinastie. Il regno di Macedonia venne preso da Cassandro , che lo governò fino alla sua morte ( 297 a.C. ). In questo periodo il controllo macedone sugli Stati tracio-illirici della regione lentamente andava declinando, sebbene il regno di Macedonia rimanesse la più grande potenza regionale. Questo periodo vide anche le invasioni celtiche nella Macedonia. Tuttavia, i Celti vennero ogni volta con successo respinti da Cassandro, e più tardi da Antigono, lasciando poca influenza sull'intera regione. Nel II secolo a.C. il Regno di Macedonia cadde nelle mani della nascente potenza romana. Filippo V di Macedonia durante il suo regno (221 - 179 a.C.) combatté contro i Romani in due successive guerre. La prima guerra macedone (215 - 205 a.C.) fu gestita con successo dai Macedoni; ma Filippo fu poi definitivamente sconfitto nella seconda guerra macedone (200 - 197 a.C.). Nel prosieguo della guerra contro Roma, il suo successore Perseo di Macedonia che regnò dal 179 a.C. al 168 a.C. , riconquistò la Macedonia con la terza guerra macedone nel (171-168 a.C.), ma la perdette definitivamente quando fu sconfitto dai Romani. La Macedonia romana fu inizialmente divisa in quattro repubbliche soggette a Roma, prima di formare nel 146 a.C. un'intera provincia romana . In questo periodo, nei Balcani fu introdotta la lingua latina usata sia dai coloni latini che dai soldati. Con la divisione dell'Impero romano in occidentale e orientale nel 298 d.C., la Macedonia venne ad essere governata dai successori Bizantini romani. La popolazione dell'intera regione era, tuttavia, impoverita dalle pesanti invasioni di varie tribù gote e unne (300–400). Nonostante questo, alcune regioni dell'Impero bizantino continuavano a prosperare, in particolare alcune città costiere come Tessalonica che divenne un importante centro culturale e commerciale. Malgrado la potenza dell'impero, dall'inizio del VI secolo i domini bizantini furono soggetti a frequenti incursioni di varie tribù slave che, nel corso dei secoli, alla fine diedero come risultato drastici mutamenti demografici e culturali nelle province balcaniche dell'impero. Non ci sono documenti bizantini riguardo agli sklaviniai dopo l' 836 /837, dato che essi vennero assorbiti durante l'espansione del primo impero bulgaro. L'influenza slava nella regione si rafforzava insieme alla nascita di questo Stato, che nell'837 incorporava parte della regione nel suo dominio. Alla fine del X secolo, ciò che adesso è la Repubblica di Macedonia divenne il cuore culturale e politico del primo impero bulgaro dopo che gli imperatori bizantini Giovanni I Zimisce e Basilio II conquistarono la parte orientale dell'Impero bulgaro. La capitale bulgara Preslav e lo zar bulgaro Boris II furono catturati nel 972 . Una nuova capitale venne stabilita a Ohrid, che divenne anche la sede della patriarcato bulgaro. Lo zar Samuele e i suoi successori continuarono la resistenza contro i bizantini per molti decenni, prima di soccombere anche loro nel 1018.  Basilio II divenne allora noto come lo "sterminatore bulgaro", dopo che ebbe catturati e accecati 14 000 soldati bulgari nel 1014. La parte occidentale della Bulgaria, inclusa la Macedonia, venne incorporata nell'Impero bizantino come provincia di Bulgaria ( Thema Bulgaria ) e il patriarcato bulgaro venne ridotto al rango di un arcivescovato. A quel tempo, la minaccia ottomana iniziava a mostrarsi in lontananza nei Balcani, non appena gli Ottomani sconfissero la coalizione cristiana di Serbi, Bulgari e Greci. Dopo la vittoria ottomana nella battaglia di Maritsa ( 1371 ) la maggior parte della Macedonia accettò il vassallaggio agli Ottomani e alla fine del XIV secolo fu annessa interamente all' Impero ottomano . La Macedonia rimase una parte dell'Impero ottomano per circa 500 anni, durante i quali si venne a costituire una sostanziale minoranza turca . Salonicco successivamente divenne la patria di una numerosissima popolazione ebraica a seguito delle espulsioni degli ebrei dalla Spagna dopo il 1492 . L'imminente collasso dell'Impero ottomano venne accettato di buon grado dagli stati balcanici, poiché prometteva di ristabilire il loro territorio europeo. La cosiddetta rivoluzione dei Giovani Turchi del 1908 rese manifesto un movimento nazionalistico che ostacolava le aspettative del popolo riguardo alla modernizzazione dell'impero e affrettava la fine dell'occupazione ottomana dei Balcani. La prima guerra balcanica condusse alla liberazione dei Balcani dai turchi sistemando le questioni maggiori, eccetto quelle per la Macedonia. Nell'aprile del 1913 i serbi e greci iniziarono la serbianizzazione e l' ellenizzazione nelle parti della Macedonia che essi già controllavano, mentre i bulgari affrontavano alcune difficoltà contro gli ebrei [ senza fonte ] e le popolazioni turche. Inoltre il possesso di Salonicco fu un sogno non ancora estinto per i bulgari che si stavano preparando ad una nuova guerra. Per questo le truppe bulgare avevano il segreto ordine, nel giugno del 1913, di sferrare degli attacchi a sorpresa sui serbi. Grecia e Serbia avevano firmato un precedente accordo bilaterale difensivo (maggio 1913). Di conseguenza, Grecia e Serbia decisero di attaccare la Bulgaria nel suo momento di massima debolezza, ormai esausta per il suo sacrificio dell'inverno precedente. Inoltre la Bulgaria dovette anche combattere i romeni che rivendicavano alcuni territori. Il trattato di Bucarest (agosto 1913) tolse ai bulgari la maggior parte delle conquiste fatte negli anni precedenti. Gran parte della Macedonia andò a formare la Serbia meridionale, incluso il territorio di ciò che oggi è la Repubblica di Macedonia, mentre la Macedonia egea venne a costituire la Grecia settentrionale.
Πηγή: https://it.m.wikipedia.org/wiki/Macedonia_(regione_storica)

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Kastoria

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Lago_Orestiada

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Dispilio

Δεν υπάρχουν σχόλια:

Δημοσίευση σχολίου